Platania, Butera (FdI): “il sindaco Rizzo chiede soldi per un servizio inesistente”

Platania, Sabato 12 Maggio 2018 - 18:31 di Redazione

“Nemmeno il tempo di digerire l'ennesimo aumento della Ta.Ri. che ci troviamo a dover affrontare un'altra spesa, con dei costi a dir poco assurdi”. A dichiararlo è Angela Butera, presidente del circolo di Fratelli d’Italia a Platania. “Come avranno potuto notare tutti i cittadini platanesi - continua - sui bollettini relativi al pagamento del servizio idrico, oltre ai costi per il consumo dell’acqua, sono riportate anche le tariffe per la depurazione. Già, e qui oltre che a ridere ci sarebbe soprattutto da ridìre. Come tutti sanno, nel mese di settembre, a seguito delle indagini condotte dalla Guardia di Finanza, dai Carabinieri e dalla Guardia Costiera, è stato posto sotto sequestro l'impianto di depurazione del nostro comune e risulta da allora non funzionante. Inoltre, nelle frazioni, addirittura non è presente alcun tipo di impianto o al massimo vi è la presenza di qualche vasca di raccolta, nella maggior parte dei casi tra l'altro decadente”. “Ciò che Fratelli d’Italia si chiede - conclude Butera - e insieme a noi dovrebbero chiedermelo i cittadini, è il perché dobbiamo pagare per un servizio che non esiste? Perché il sindaco Rizzo, per giustizia sociale, non ha individuato un’azione amministrativa che esentasse i cittadini dal pagamento di questo tassa? Noi la risposta ce l’abbiamo, e probabilmente ce l’hanno anche tutte le famiglie che vivono nel nostro paese. La speranza è che l'attuale amministrazione comunale dia al più presto risposte in merito e la esortiamo a sospendere da subito il pagamento richiesto”.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code